La storia delle origini

Nel 2019, quando Rob, Karel e Michiel stavano cercando un partner di approvvigionamento sostenibile nell’UE per il loro marchio di abbigliamento, hanno dovuto affrontare un compito complicato: trovare un produttore locale affidabile online. Questo si è rivelato molto più difficile di quanto pensassero inizialmente. Anche se sapevano che dovevano essercene molti, la loro ricerca si è rivelata infruttuosa. Le aziende manifatturiere erano spesso aziende a conduzione familiare e non avevano alcun sito Web o informazioni di contatto online. La maggior parte dei produttori europei, si è scoperto, facevano ancora affidamento su fiere e agenti per entrare in contatto con marchi come il loro.

Fu allora che videro una possibilità all’interno di un problema; creare un mercato digitale in cui marchi e produttori sostenibili dell’UE possano connettersi e iniziare a fare acquisti insieme. E così è nato Manufy. Sapendo che una piattaforma di questa portata avrebbe richiesto molto lavoro, i tre hanno rapidamente ampliato il loro team con sviluppatori di software esperti, professionisti del settore e il loro ex vicino ed esperto di scalabilità aziendale: Rene van Doren. Insieme, il team ha lavorato negli ultimi 18 mesi per creare una piattaforma completamente operativa che ospita oltre 1.000 produttori e oltre 2.000 marchi, con un numero maggiore di iscritti ogni giorno.

Incontrare la squadra

Melisa

Regina dei contenuti
Creatore di Empanada

Tobias

Sviluppatore supremo
Basket mediocre

Renè

Finanza (fondatore)
Ha le mani super piccole

Aronne

Specialista a bordo
Ex modello di intimo

Krasimir

Sviluppatore Front End
Combatte per spuntini o gloria

No

CEO e fondatore)
Recupero Ski-addicted

Oliviero

Sostenibilità
Assomiglia a Ruben

Kiki

Creatore del contenuto
Speranze per la struttura

Eveline

Proprietario del prodotto
Alias Smeagol

Dicker

Vendite e PR (fondatore)
Ama la televisione lenta

Karel

Marketing (fondatore)
Aspirante pattinatore

Rob

Strategia (fondatore)
Vuole lavorare in Apple

Ruben

Responsabile Sostenibilità
Ha visto tutto

Laura

Specialista dell’onboarding
1/4 di dinosauro

Titia

Controllore finanziario
Possiede un drone

Bas

Stagista finanziario
Lavorare i numeri

Max

Sviluppatore back-end
Capobanda di poco conto

Arno

Sviluppatore back-end
Appassionato di paddle

Paesaggio industriale

Secondo settore più inquinante

In questo momento l’industria della moda è responsabile del 10% delle emissioni mondiali di carbonio e di quasi il 20% dei rifiuti idrici mondiali, rendendola la seconda industria più inquinante del pianeta. Non è solo il processo di produzione ad inquinare: anche i trasporti inefficienti e che attraversano il mondo si aggiungono al mix devastante. Sapevi che una normale maglietta viaggia attraverso 5 paesi prima di atterrare nelle tue mani?

Il coronavirus ha cambiato tutto

La pandemia di covid-19 ha dato nuovo valore al digital sourcing. Con le fiere espositive cancellate, i produttori hanno difficoltà a essere visibili ai nuovi clienti. Allo stesso tempo, i marchi hanno ancora bisogno dei loro cicli di produzione, ma non sanno da dove iniziare la ricerca di nuovi produttori. Con la crescente domanda di prodotti sostenibili, trovare produttori che funzionino secondo questi standard può rivelarsi una sfida. In quanto opportunità per entrambi i fini, l’approvvigionamento (sostenibile) nello spazio digitale è in aumento. Secondo il rapporto annuale di Mckinsey, The State of Fashion 2020 Coronavirus update, il distanziamento sociale ha evidenziato più che mai l’importanza dei canali digitali e i blocchi hanno elevato il digitale a una priorità urgente nell’intera catena del valore.

Paesaggio industriale

Secondo settore più inquinante

In questo momento l’industria della moda è responsabile del 10% delle emissioni mondiali di carbonio e di quasi il 20% dei rifiuti idrici mondiali, rendendola la seconda industria più inquinante del pianeta. Non è solo il processo di produzione ad inquinare: anche i trasporti inefficienti e che attraversano il mondo si aggiungono al mix devastante. Sapevi che una normale maglietta viaggia attraverso 5 paesi prima di atterrare nelle tue mani?

Il coronavirus ha cambiato tutto

La pandemia di covid-19 ha dato nuovo valore al digital sourcing. Con le fiere espositive cancellate, i produttori hanno difficoltà a essere visibili ai nuovi clienti. Allo stesso tempo, i marchi hanno ancora bisogno dei loro cicli di produzione, ma non sanno da dove iniziare la ricerca di nuovi produttori. Con la crescente domanda di prodotti sostenibili, trovare produttori che funzionino secondo questi standard può rivelarsi una sfida. In quanto opportunità per entrambi i fini, l’approvvigionamento (sostenibile) nello spazio digitale è in aumento. Secondo il rapporto annuale di Mckinsey, The State of Fashion 2020 Coronavirus update, il distanziamento sociale ha evidenziato più che mai l’importanza dei canali digitali e i blocchi hanno elevato il digitale a una priorità urgente nell’intera catena del valore.

Iscriviti adesso!